I dintorni

RAGUSA

Una delle tre città, assieme a Modica e Scicli, appartenenti al cosiddetto “triangolo barocco”, gode del prestigio di essere stata dichiarata dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Lungo le strade della città si possono ammirare numerose Chiese e molteplici Palazzi di incantevole bellezza costruiti successivamente al terremoto del 1693. Proprio in occasione di questo tragico evento nacque la parte “moderna” di Ragusa, ad opera dell’emergente borghesia rurale, a seguito di insanabili conflitti di carattere principalmente religioso. Mete interessanti per i più curiosi sono sicuramente la cave di pietra di età classica e il Museo del Tempo contadino presso Palazzo Zacco.

RAGUSA IBLA

Piacevole borgo, interamente ricostruito ad opera della vecchia nobiltà sullo stesso sito della antica Hybla Haerea, distrutta dal terremoto del 1693 e della quale sopravvivono oggi solo il Portale della Chiesa di S. Giorgio e alcune sculture oggi ammirabili all’interno del nuovo Duomo di S. Giorgio. Il borgo, che si apprezza pienamente se visitato a piedi, è costellato di innumerevoli Chiese e presenta numerosissime testimonianze del tardo barocco tipico della ricostruzione, nonché un ampio giardino pubblico, spesso luogo di eventi organizzati.

MODICA

È oggi un importante centro agricolo e commerciale; la sua storia inizia con l’esperienza della Contea, che assunse importanza a seguito dell’evoluzione sociale, artistica e culturale. La città vanta oggi un variegato patrimonio artistico, storico e paesaggistico di incomparabile bellezza. Arroccato su tre rilievi, il centro abitato è costellato di palazzi, chiese e strutture storiche di diverse epoche. Tratto distinguibile della città sono le diverse manifestazioni religiose e le tradizioni legate alla cucina tipica del luogo, prima fra tutte l’edizione annuale del Chocobarocco, per la degustazione di cioccolato artigianale speziato.

SCICLI

Conosciuta anche come la “città dei tre valloni”, per via della sua particolare posizione (all’incrocio tra la cava San Bartolomeo, la fiumara di Modica e la cava Santa Maria la Nova), si erge sul Colle San Matteo. La disposizione degli edifici tipicamente medievale e il patrimonio architettonico di epoca barocca fanno di Scicli una meta di enorme rilievo storico – artistico.

DONNALUCATA

Allegra cittadina che si affaccia sul mare, a pochi chilometri da Marina di Ragusa, facilmente raggiungibile in bicicletta. Il centralissimo approdo per i pescatori offre la possibilità di acquistare pesce fresco tutti i giorni. L’ampia spiaggia, particolarmente adatta ai bambini, è incorniciata dal lungomare dove è possibile acquistare oggettini e souvenirs di vario tipo. I numerosi locali (bar, pub, ristoranti, pizzerie) permettono di trascorrere piacevoli e romantiche serate in riva al mare.

NOTO

Definita la “capitale del Barocco”, è stata dichiarata patrimonio dell’Unesco nel 2002. Sullo scenario delle sue magnifiche chiese e dei suoi numerosi palazzi, la terza domenica di maggio di ogni anno, in via Nicolaci, viene allestita la famosa Infiorata, durante la quale la via viene ricoperta di fiori, creando disegni stupefacenti.

PUNTA SECCA

È un piccolo borgo marinaro che trae il proprio nome dalla formazione di scogli di fronte alla spiaggia di levante. Si affaccia sul mar Mediterraneo ed è diventata popolare in quanto set cinematografico della serie televisiva “Il Commissario Montalbano”. La casa di mare del commissario, infatti, non è altro che una villetta in riva al mare nella piazzetta del borgo.

KAMARINA

Kamarina fu un’importante colonia di Siracusa, costruita sulla foce del fiume Ippari. Di essa, oggi, non rimangono che rovine e reperti archeologici quali tombe arcaiche e ruderi. Il museo raccoglie reperti di archeologia subacquea, resti preistorici ma anche importanti reperti dell’età classica che vale la pena di ammirare.

CASTELLO DI DONNAFUGATA

Situato a pochi chilometri da Ragusa fu il luogo dove vissero il Barone Corrado Arezzo de Spuches e il Visconte Combe de Lestrade. La sontuosa dimora nobiliare risale al tardo ‘800. Un’ampia facciata neogotica e due torri laterali accolgono il visitatore che, varcata la soglia, potrà accedere alle stanze del castello contenenti ancora i mobili dell’epoca. Intorno al castello si allarga un ampio e monumentale  parco destinato ad allietare gli ospiti con punti di ristoro ma anche di divertimento.